Categorie
Blog

Come spostarsi a Lipari?

Come spostarsi a Lipari

Cercare informazioni su come spostarsi a Lipari potrebbe sembrare in apparenza difficile. Lipari fa parte dell’arcipelago delle Isole Eolie, insieme con Panarea, Stromboli, Vulcano, Alicudi, Filicudi e Salina. Si tratta di località relativamente piccole in effetti. Per questo motivo, le amministrazioni locali solitamente vietano nei mesi estivi la circolazione alle auto, moto e ciclomotori appartenenti ai non residenti.

Tra tutte, merita un discorso a parte l’Isola di Lipari per due motivi:

  1. è la più grande tra tutte
  2. è la più movimentata tra tutte*

I giovani che la scelgono per le proprie vacanze potrebbero avere bisogno di spostarsi di giorno e di sera al suo interno. Ecco perchè potrai trovare molto utile questa mini – guida su come spostarsi a Lipari.

*piccola considerazione: anche Panarea è particolarmente movimentata ma anche molto cara. Quando consigliamo le mete ideali di vacanze per giovani preferiamo sempre destinazioni a tasca di universitario!


Spostarsi a Lipari in auto

Come dicevamo, l’isola più grande tra tutte in assoluto è Lipari. Una soluzione per spostarsi a Lipari potrebbe essere quella del noleggio auto. Sull’isola sono presenti vari servizi, ma a prezzi molto elevati (anche 100€ al giorno ad agosto) e con una disponibilità del parco auto molto limitato. Scegliere questa opzione, inoltre, apre ad altri due problemi: il traffico e l’alto costo dei parcheggi, che sono anche molto limitati.

Più comodo potrebbe essere prendere in affitto uno scooter, anche se i costi sono sempre elevati, con tariffe in alta stagione tra i 40€ e gli 80€ al giorno.


Spostarsi a Lipari in autobus o Taxi

Più economici, con corse molto frequenti, sono gli autobus che collegano il centro di Lipari con le varie frazioni. Gli orari sono soggetti a variazioni e i tickets possono essere acquistati presso le biglietterie ai capolinea. Attenzione: se non sei amante della folla, non fanno per te! Il grande numero di turisti che arrivano ogni anno qui, solitamente si spostano con gli autobus.

Più cari ma più comodi sono i taxi, che sostano un po’ ovunque nell’isola ed hanno tariffe fisse per alcune tratte, o stabilite dal tassametro. Anche in questo caso, attenzione: il tassametro varia al variare della stagione, della durata e del percorso.


Spostarsi a Lipari in Taxi Boat

C’è una soluzione per risolvere il problema di come spostarsi a Lipari e, in generale, tra le Isole Eolie. Gli spostamenti in taxiboat sono molto gettonati ma ne potresti apprezzare il valore solo una volta giunto a destinazione.

L’arcipelago delle Eolie infatti è composto da sette isole di diversa grandezza. Si tratta di un tipo di vacanza consigliata a chi cerca sole, spiagge, mare, sport e divertimenti. Lipari può essere la base per visitare comodamente la altre isole, facilmente visitabili con il servizio di taxiboat. Basta salire in barca e potrai raggiungere anche le spiagge più lontane e quelle inaccessibili a piedi, tutti i giorni a tutte le ore.

Il team di viaggiuniversitari.it, con il Tag Red, include proprio i trasferimenti in taxiboat per  spostarsi a Lipari e raggiungere i principali punti di interesse come Praia di Vinci e Valle Muria, ma anche la vicinissima Vulcano.

Soluzione migliore, problema risolto!

Categorie
Blog

Cosa visitare alle Isole Eolie

Cosa visitare alle Isole Eolie

Sette sorelle, belle e molto diverse tra loro: Lipari, Panarea, Alicudi, Filicudi, Stromboli, Vulcano e Salina sono un perfetto mix di sole, mare cristallino, paesaggi mozzafiato al mattino e stradine in ciottoli animate da mille luci colorate alla sera. Il viaggiatore indipendente, sempre curioso ed in cerca di nuovi scorci suggestivi non potrà fare a meno di amare le isolate e spartane Alicudi e Filicudi, mentre Lipari e Panarea offriranno tutto il necessario a chi vorrà vivere la sua vacanza alle Isole Eolie  in totale relax.
Come avrete capito, non è facile scegliere quali isole visitare per prime. Ecco perchè abbiamo scritto una mini-guida per aiutarti a scegliere cosa visitare alle Isole Eolie!

1. Lipari

Lipari è l’isola più grande e importante dell’arcipelago.
Per questo motivo abbiamo scritto un articolo in cui spieghiamo come spostarsi a Lipari! Puoi approfondire leggendolo qui! 

Comunque, il modo migliore per scoprirne i paesaggi resta sempre la mini – arrampicata (in motorino o bus, per andar comodi, ma anche a piedi sono tante le passeggiate da poter fare!) sui tanti punti di osservazione sparsi per la costa. Il più famoso è sicuramente quello di Quattrocchi che da anni ormai ha guadagnato la medaglia di “sito panoramico più bello delle Isole Eolie”.

Tra le spiagge tante meritano di essere viste come quella di Vinci, una caletta naturale che affaccia su acque limpidissime, un angolo di paradiso raggiungibile solo in #TaxiBoat. Meravigliosa anche quella di Valle Muria dal caratteristico colore scuro con scogliere a picco sul mare ed acque cristalline perfette per fare snorkeling. E ancora, la White Beach dove tutti i ragazzi dell’isola si riuniscono per l’aperitivo più figo delle Eolie: a fare da cornice, una ex cava di pietra pomice tutta bianca… spettacolare!

E alla sera, dove trovare un po’ di movimento per il #bynight? Baretti dove potersi fermare con il proprio gruppo di amici si trovano praticamente dappertutto, soprattutto nella piazzetta di Marina Corta, al termine della passeggiata sul Corso Vittorio Emanuele ricco di negozi e bar. Non mancano cocktailbar come il Sealight Club e altre location pazzesche! L’isola è grande ed ha molte attrazioni serali, ma non è di certo famosa per grandi Club in stile Pag. Ad ogni modo, gli eoliani non si fanno mancare nulla: degno di nota il Turmalin, Re incontrastato della movida notturna di Lipari da anni, offre spesso anche Dj di buona riconoscibilità nelle serate più calde! Insomma, se stai organizzando il tuo itinerario tra le visite Eolie, non può mancare come tappa.

 2. Panarea

La più antica, la più piccola ma anche la più esclusiva e costosa: Panarea è l’isola tra le sette sorelle più gettonata per il turismo di VIP italiani e stranieri. Tra aperitivi in locali esclusivi e boatparty, al mattino due le escursioni da non perdere: Cala degli Zimmari e Cala Junco, meravigliose insenature tra roccioni altissimi. Il #bynight non è da meno e la lista di cocktailbar e club è quasi infinita. Attenzione però ai prezzi, a volte un po’ altini!

3. Stromboli

E’ “Iddu” (Lui, in siciliano) a dominarla, ovvero il vulcano che da millenni fa sentire la sua presenza eruttando ad intervalli regolari brandelli di lava incandescente, lapilli e cenere che solitamente rotolano lungo la famosa Sciara del Fuoco, precipitando poi a mare. Chi cerca emozioni forti non ha altro da fare che salire sulla sua vetta per ammirare da vicino le eruzioni con esplosioni a volte anche molto fragorose! Sabbie nere al mattino e acque cristalline invece ospiteranno volentieri chi è in cerca di relax.

4. Salina

La seconda isola più grande dopo Lipari, Salina è composta tra tre comuni distinti tra loro – Leni, Malfa e Santa Marina Salina – per un totale di 2000 abitanti al massimo. Inutile ribadire quanto belle siano le acque intorno alle sue coste o le sue spiagge come quella di Pollara, nata all’interno di un vecchio cratere spento. Interessanti anche i prodotti tipici da assaggiare qui: tra tutti, capperi e malvasia la fanno da padrona. Nota di curiosità: la malvasia è un vino caratteristico del posto dal sapore molto aromatico e dolce. Da provare!

5. Vulcano

Conosciuta anche come “isola di fuoco”, Vulcano è una bellezza aspra e selvaggia. Qui, secondo gli antichi si trovavano le fucine del dio Efesto (Vulcano, per i Romani) nelle quali i Ciclopi forgiavano le armi destinate agli dei. Il modo migliore per visitarla? In TaxiBoat: in barca infatti si possono vedere meraviglie senza precedenti, come lo Scoglio delle Sirene, la Piscina di Venere e la celebre Grotta del Cavallo.

6&7. Alicudi & Filicudi

Alicudi e Filicudi sembrano gemelle e non solo per nome: belle, solitarie e selvagge. Sono le più incontaminate dell’arcipelago eoliano, grazie anche all’assenza di strade asfaltate. Sull’isola non ci sono né auto né motorini, ci si muove a piedi attraverso le mulattiere e i panoramici sentieri. Gli unici mezzi di trasporto restano asini e muli! Pochissime casette, niente illuminazione pubblica, solo un porticciolo illuminato dalla luna. Più romantico e suggestivo di così?



Piaciuta questa mini-guida su cosa visitare tra le isole Eolie?

Non resta che vivere una vacanza alle Isole Eolie per poter scoprire le bellezze di ognuna di queste isole!

Nel frattempo, se vuoi rifarti gli occhi per sapere in anticipo cosa ti aspetta, vai a sbirciare le nostre Stories Instagram sul profilo viaggiuniversitari.it.

Enjoy!