Categorie
Blog

Vacanza per giovani: estate 2020 a Gallipoli

Il caldo inizia a farsi sentire e il solo pensiero di un tuffo a mare ti fa sudare meno? Chiudi l’esplora di Instagram e smettila di guardare disperat@ le foto degli influencer a Bali o Mykonos: l’Italia non ha nulla da invidiare a queste mete super gettonate! 😎
A pochi chilometri da casa ci sono coste meravigliose, mare cristallino e location da paura.
Sì, ok, noi di viaggiuniversitari.it abbiamo un debole per lei da anni… ma come si fa a non amarla? Prenditi due minuti e leggi quest’articolo sul perchè vale la pena di trascorrere l’estate 2020 a Gallipoli se sei in cerca di una vacanza per giovani.

Protocolli COVID – 19


É il tuo dubbio più grande, quindi meglio toglierci questo dente fin da subito!
Negli scorsi mesi il nostro paese ha trascorso momenti molto difficili a causa dell’emergenza sanitaria COVID – 19. Sappiamo bene quanta reticenza ci sia in giro nel tornare a viaggiare. Insomma, sarebbe strano il contrario! Forse ti trovi in quel classico limbo tra la tua indecisione e le pressioni dei tuoi genitori.

Partiamo quindi con il dire che qualora non ci fossero state le condizioni per viaggiare, non ci sarebbe mai e poi mai venuto in mente di confermare la nostra programmazione estiva e proporre viaggi ai nostri ospiti.

Chi ci conosce sa che il nostro mantra è “Patti chiari, amicizia lunga!“: amiamo la trasparenza, il nostro lavoro e i nostri ospiti. Nel corso di queste settimane abbiamo lavorato giorno e notte per dissipare dubbi e incertezze dei tantissimi clienti che avevano già prenotato la vacanza per l’estate 2020 prima di Marzo. Contemporaneamente, con i nostri consulenti abbiamo monitorato l’andamento della pandemia per gestire la problematica nella maniera più sicura per tutti.

Bene, finora non avevamo risposte certe perchè i Governi stessi non avevano preso posizioni a riguardo. Ad oggi possiamo dire che tutti i Paesi con cui lavoriamo ormai da tanti anni stanno pubblicando i protocolli per la gestione sicura di mezzi di trasporto, alloggi, spiagge e locali in vista dell’estate 2020. In Italia, parlando di Gallipoli, anche la Regione Puglia ha definito le linee guida comportamentali per quest’estate.
Si tratta di documenti in continuo aggiornamento. Se vuoi prenderne visione, scrivi una mail al nostro ufficio booking all’indirizzo info@viaggiuniversitari.it.

#madeinitaly

I viaggiatori di solito si dividono in due categorie: chi crede che viaggiare significhi andare all’estero e chi invece ama scoprire posti nuovi, non importa dove.
Non fraintenderci: anche a noi piace visitare altri paesi, conoscere la loro cultura, mangiare cibo diverso da quello della nonna… ok forse questo un po’ meno. Nel corso degli anni, però, abbiamo imparato due cose.

1. Gran parte della riuscita di un viaggio dipende dalla compagnia. Siamo diventati dei romanticoni? Forse, ma crediamo davvero che la socializzazione sia il punto di inizio e fine di 7 giorni di vacanza vissuti a pieno.
2. Viviamo in un paese MERAVIGLIOSO. In Italia si incontrano natura, cibo, arte, storia, divertimento in un mix che può rendere indimenticabile una vacanza per giovani.

L’Italia è tutta bella… ma Gallipoli di più!

Reginetta della movida italiana dell’ultimo decennio, Gallipoli è tra le mete must per l’estate dei giovani tra i 18 e i 30 anni. Più che una destinazione, possiamo dire che si tratta di un’esperienza da provare una volta nella vita.

Nella programmazione viaggiuniversitari.it è contrassegnata con il Tag Lime, cioè come un tipo di vacanza perfetta per chi ama discoteche con top dj e cerca party nostop . Gallipoli infatti ospita le location più suggestive del sud Italia: capienze da stadio e line-up da paura creano il mix perfetto di club dal sapore internazionale. La Praja, il Ten, il Riobò, il Blue Bay e il Bahia sono solo alcuni dei nomi che possiamo citare per il divertimento notturno.
P.S. Se te lo stai chiedendo, la risposta è “Sì, le discoteche sono aperte per l’estate 2020” 😉

Al mattino invece, puoi godere di spiagge meravigliose e di un mare caraibico! Prova a digitare su Google queste località: Marina di Pescoluse, Porto Cesareo, Otranto, Grotta della Poesia. Si tratta di punti mare facilmente raggiungibili in auto da Gallipoli e ce n’è per tutti i gusti: dalla spiaggia in sabbia alla roccia dove stendere un asciugamano in pieno stile #wild.
Di pomeriggio invece, se ami sorseggiare un cocktail in riva al mare con musica in sottofondo, impazzirai letteralmente per gli aperitivi organizzati dai principali stabilimenti balneari di Baia Verde.

Vogliamo parlare della cucina salentina? No, ma dico, facciamola una piccola digressione sulle tante tantissime cose buone che puoi assaggiare a Gallipoli! Pensa che abbiamo dedicato un articolo del nostro blog all’argomento (clicca qui per leggerlo), creando una mini-guida di sopravvivenza per non rischiare di perdere neanche una tra le gustose prelibatezze salentine. Dalla puccia, alle orecchiette con cime di rapa, passando per il pasticciotto e le pizze fritte: ce n’è per tutti i gusti!

L’offerta viaggiuniversitari.it per l’estate 2020 a Gallipoli

L’offerta viaggiuniversitari.it per l’estate 2020 a Gallipoli comprende, come sempre:
– Trasporto
– Alloggio 7 notti in Residence
– Staff H24
– Assicurazione medico bagaglio

TRASPORTO
Organizziamo partenze dal Nord, Centro e Sud Italia. Per maggiori dettagli sulle offerte, clicca qui: OFFERTA NORD | OFFERTA CENTRO | OFFERTA SUD

ALLOGGIO
viaggiuniversitari.it ha scelto per la sua offerta un intero Residence in esclusiva per giovani, precisamente a Marina di Mancaversa! Gli appartamenti sono dotati di angolo cottura e si trovano a 400mt dal centro, dotato di diversi servizi. La spiaggia è raggiungibile a piedi dal residence, ma sappiamo bene che chi sceglie la Costa di Gallipoli lo fa in particolar modo per raggiungere i lidi di Baia Verde. Per questo motivo abbiamo organizzato un servizio Shuttle Bus – incluso nel prezzo – che collega il Residence a Baia Verde in meno di 10 min!

STAFF H24
Una volta giunti a destinazione il nostro Staff si prenderà cura di te: sarai preso per mano dai nostri Friends che alloggeranno nella tua stessa struttura e che ogni giorno ti proporranno beachparty, serate ed escursioni selezionate su misura per il nostro target. Non conosciamo ancora con certezza le line-up dei locali gallipolini, ma possiamo garantirti che lavoriamo da sempre per offrire ai nostri ospiti le migliori soluzioni a prezzi irripetibili!

PREZZO MEDIO?
390€ per partenze dal Nord e Centro Italia
350€ per partenze dal Sud Italia


Se vuoi saperne di più, clicca sul pulsante sotto 👇 e scopri tutti i dettagli dell’offerta di viaggiuniversitari.it per l’estate 2020 a Gallipoli!

Categorie
Blog

Croato di adozione: lui è Marco Manna!

Spesso alcuni Friends si ritrovano a vivere le loro estati a cavallo tra più destinazioni: una settimana a Gallipoli, magari poi il Viaggio Evento in Croazia e così via. Altri invece, come i Tour Leader o i Friends resident, letteralmente finiscono per trasferirsi in quella destinazione per qualche settimana.

Bene, soprattutto quando accadono situazioni del genere e queste si ripetono per anni, non è strano che al ritorno alcuni di loro sentano di aver trovato un nuovo posto nel mondo.
Lo abbiamo già raccontato durante l’intervista a Giovanni Diana parlando insieme del suo amore viscerale per Budva.
Ora stiamo per raccontarvi un’altra storia d’amore e, perchè no, di vera e propria adozione.
La sua casa è per metà a Napoli e per metà a Pag: lui è Marco Manna.

Identikit: chi sei e cosa fai nella vita?


Sono Marco Manna e ho 25 anni. Sono laureando magistrale in International Management. Ho deciso di studiare economia perché è una mia vecchia passione ed anche perchè credo che sia uno degli aspetti fondamentali della nostra vita sociale, come la politica.
Sarebbe meraviglioso conciliare entrambe queste passioni e riuscire a lavorare per il Ministero dell’Economia e delle Finanze e, magari chissà, un giorno diventare Ministro.
Nel tempo libero, invece, mi occupo di un’associazione culturale per giovanissimi dai 5 ai 18 anni e la sera lavoro come barman in un catering.
In estate, lavoro con viaggiuniversitari.it. Senza di loro, ormai, non saprei più come trascorrere l’estate: è parte integrante della mia vita!


Passione

Fan sfegatato di Ligabue, Jovanotti e Negramaro. Scegli una canzone per ognuno di loro!


Sono i miei tre artisti italiani preferiti..
jova
Jovanotti è quel tipo di artista che deve piacere per forza. I suoi testi sono oggettivamente belli e non può non piacere. Anzi, dovrebbero essere studiati anche nelle scuole secondo me!
La mia canzone preferita, e forse tra le meno note, è “Terra degli uomini”. È un vero e proprio inno all’umanità e alla vita. Racconta quanto la vita sia meravigliosa nonostante i nostri limiti e nonostante, a volte, ci metta davanti a delle sfide anche troppo difficili. Se posso aggiungerne un’altra alla quale mi sento molto affezionato è “Le storie vere”, che mi lega alla mia fidanzata.
Ascolta


niente paura
Tra loro, Ligabue è il mio artista preferito. Lo ascolto da quando avevo 7 anni e ormai collego ogni canzone ad un periodo della mia vita. Quella che più mi ha segnato è sicuramente “Niente paura”. Era quella canzone che mi tirava su quando ero un po’ giù di morale, quando qualcosa non andava, era quell’amico che ti dava una pacca sulla spalla. Mi commuove sempre.
Ascolta

negramaro
Per quanto riguarda i Negramaro, invece, devo dire che scegliere tra tutta la discografia non è facile ma sono molto legato a “Lo sai da qui”. Quando l’ho ascoltata la prima volta, mi ha commosso tantissimo. Una canzone in cui Giuliano Sangiorgi parla al padre morto qualche anno prima e racconta la bellezza del mondo e le cose che condividevano insieme e che lui adesso è costretto a fare da solo.
Ascolta

I giocatori di cui non faresti mai a meno nel fantacalcio?


Parto col dire che sono un grande appassionato di fantacalcio. In periodo di quarantena, devo dire che mi manca molto. I miei amici mi prendono in giro perché anche con giocatori non proprio fortissimi, sono riuscito a vincere qualche premio.
Nella mia squadra sicuramente non possono mai mancare:
1. Gigi Buffon: non sono juventino, ma penso sia uno dei portieri più forti al mondo. Oltretutto sono un grande patriottico e lo porto nel cuore dai Mondiali 2006. È una nostra eccellenza italiana!
2. Andrea Petagna: è un attaccante umile, non bravissimo con i piedi – un po’ alla Pippo Inzaghi – ma riesce comunque a metterla sempre dentro e fa arrabbiare i miei avversari.

Hai ancora qualche sfocato ricordo della tua festa di laurea? A proposito, ma quante ne hai organizzate?


La mia festa di laurea ha avuto un iter un po’ particolare.
Ci ho messo sette mesi per dare l’ultimo esame perché ogni volta che ci provavo, venivo bocciato. Quindi, ho continuato a programmare e poi posticipare la festa, finché non ho finalmente superato quell’esame: era il 14 novembre, la mia liberazione!
A dicembre riuscii quindi a laurearmi per mia grande gioia… ma anche dei miei amici che mi supportavano e sopportavano le mie lamentele. In quel periodo, infatti, ogni uscita era buona per festeggiare.
Durante la festa ufficiale, poi, la situazione degenerò e credo di aver completamente rimosso l’ultima parte della festa. Il giorno dopo, infatti, mi alzai un po’ deluso, convinto di non aver fatto neanche qualche foto con gli invitati o la torta. Invece mio fratello mi mostrò il suo cellulare: c’erano tutte le foto con gli invitati.
Come se non bastasse, ho saputo di aver fatto un discorso ad hoc per ognuno di loro! Me ne vergogno un po’, ma lo racconto con un sorriso.

Come sei entrato in contatto con il mondo di viaggiuniversitari.it?


Mi fa molto piacere raccontarlo perché è una bellissima storia.
È successo tutto per puro caso. Un giorno, al primo anno di università, durante una lezione di microeconomia c’era un volantino sul mio banco. Guardai le destinazioni, i prezzi vantaggiosi e, senza aspettare la fine della lezione, chiamai subito. Ricordo che a quel numero rispose Fabio e restammo a parlare per un’ora e mezza. Diventammo subito amici e, convintissimo di prenotare, convinsi anche i miei amici e partimmo alla volta di Pag.
Anche l’anno successivo scegliemmo viaggiuniversitari.it per le vacanze estive, volando a Budva. La bellezza di un viaggio di gruppo, la possibilità di fare nuove amicizie, per me è sicuramente il miglior modo di viaggiare per i ragazzi in quella fascia d’età. Continuai a restare in contatto con Fabio e Roberto e l’anno dopo, incrementando la programmazione su Pag, avrebbero avuto bisogno di altri ragazzi per lo Staff. Ricevetti, così, la telefonata di Fabio che mi chiese di lavorare per loro poichè cercavano qualcuno che conoscesse bene la destinazione.
Pag è diventata la mia seconda casa e il mio posto preferito nel mondo.
Cinque anni fa è nata questa “storia d’amore” con viaggiuniversitari.it e spero possa continuare per quanto più tempo possibile.

Senza decidere sulla base dei drink offerti, quale locale di Pag preferisci?

Direi decisamente il Papaya.
Non ha nulla da invidiare ai locali più belli di Ibiza, ma direi anche del mondo. Enorme, pazzesco, con dj internazionali che vengono da tutto il mondo. Oltretutto, gli stessi proprietari sono persone molto serie. È un piacere lavorare con loro.
Non posso non citare, comunque, il Backstage. Un localino all’aperto sulla spiaggia, un beach bar e non un vero e proprio locale, dove con i nostri ospiti trascorriamo le nostre migliori serate. Si crea un bellissimo clima familiare tra i ragazzi che partono con viaggiuniversitari.it.

Friends

Se dovessi raccontare l’esperienza di un viaggio Tag Lime in una sola parola?


Decisamente “Felicità”. Per chi ama la vita notturna, le discoteche, ascoltare musica, ballare penso non si sia nulla di meglio.
Ballare dalle quattro del pomeriggio durante l’aperitivo, rientrare a casa, uscire a mezzanotte e tornare a ballare fino alle sei del mattino può essere stancante, ma veramente non c’è niente di più bello. Ogni volta che ci penso e rivivo questi ricordi, non posso nascondere un grande sorriso.

Ti abbiamo chiesto di inviarci una foto a cui sei molto legato, che abbiamo inserito come copertina dell’articolo. Perché hai scelto questa?


In quella foto c’è una bandiera. In qualunque meta abbia lavorato, una cosa che mi è sempre piaciuta era alzare quella bandiera e farla vedere a tutti. Rappresentava il nostro logo, un progetto meraviglioso di cui facciamo parte. Per questo per me è motivo d’orgoglio alzare quella bandiera. Questa foto, della Summer 2018, è stata scattata durante l’ultimo aperitivo di quella stagione, dopo sei settimane di lavoro. Il concetto di felicità di cui parlavo prima è facile da ritrovare in questa immagine.

Entra a far parte del nostro Gruppo Facebook! La community viaggiuniversitari.it ti aspetta




Entra a far parte della community!
https://www.facebook.com/groups/communityvu2020


Categorie
Blog

Come spostarsi a Gallipoli

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente stai valutando se scegliere Gallipoli per le tue vacanze. Beh, non chiederci consiglio perchè noi siamo un po’ di parte: la regina della movida salentina ha un posto speciale nel nostro cuore! Ecco perchè ci teniamo a sfatare alcuni miti su come divertirsi e come spostarsi a Gallipoli.

Forse avrai letto in altri blog che la località di Baia Verde è il centro della movida giovanile. Quindi, scegliendo una sistemazione da queste parti avrai tutte le attrazioni a portata di mano. FALSO!

Tutte le attrazioni, sia diurne che notturne, sono sparpagliate. Insomma, non esiste un vero e proprio centro! Ecco perchè è importante scegliere con cura dove alloggiare e sapere in anticipo come spostarsi a Gallipoli, per non sprecare neanche un secondo delle tue vacanze.

Cosa fare di giorno e di sera a Gallipoli

Saprai di certo che il Salento offre una quantità incredibile di spiagge e se si sceglie Gallipoli per trascorrere la propria estate è d’obbligo cercare di visitarne più di una.
Non basterebbe un mese di vacanza per ammirare tutte le meraviglie balneari della zona, quindi citiamo solo le migliori tra quelle a portata di mano partendo da Baia Verde:

  • Rivabella
  • Baia di Punta Pizzo
  • Punta Suina
  • Marina di Ugento

Ma se hai intenzione di fare dei tragitti più lunghi, allora ti assicuriamo che può valer la pena visitare Marina di Pescoluse e soprattutto Punta Prosciutto, che nulla hanno da invidiare alle famose spiagge caraibiche.

Se poi ti piace anche visitare qualche caratteristico centro storico cittadino, allora non potrai perdere Gallipoli Vecchia, Lecce, Santa Maria di Leuca e Otranto.
A parte Gallipoli Vecchia che dista una decina di chilometri da Baia Verde, per le altre ci vorranno diversi chilometri in più. Ad ogni modo, qualsiasi sia il centro che deciderai di visitare, nessuno è raggiungibile a piedi.

Quali discoteche raggiungere a Gallipoli

Ed ora veniamo alle discoteche, tra le punte di diamante di Gallipoli.
La famosissima La Praja si trova in Baia Verde, quindi è a portata di mano per tutti i giovani che scelgono di alloggiare in questa località.
Molte altre importanti discoteche si trovano fuori zona: il Ten a Li Foggi, il Rio Bo a Lido Conchiglie, il Bahia e il Blue Bay addirittura sull’altro versante, rispettivamente ad Otranto e Castro.


Come spostarsi a Gallipoli

Come avrai potuto notare, per vivere al meglio una vacanza in Salento, tra sole, mare e divertimento di ogni tipo, conviene avere un’auto a disposizione. Inoltre, per gli amanti del mondo disco, sappi che il guidatore non deve assolutamente bere alcolici.
Innanzitutto perchè mettersi al volante con un tasso alcolico elevato è tutt’altro che una buona idea. Per di più le strade – spesso – non sono assolutamente delle migliori. Inoltre, la zona è molto pattugliata dalle forze dell’ordine che certamente non saranno clementi.

Quindi, se sei senza automobile e hai scelto un alloggio a Baia Verde, sappi che non hai risolto il problema della centralità. Hai pagato probabilmente il quadruplo rispetto a chi alloggia fuori Baia Verde e comunque dovrai prendere taxi, a meno che tu non voglia esclusivamente partecipare ai Beach Party di quel litorale e fare 7 serate su 7 al La Praja.

Infatti, da queste parti, è un servizio particolarmente utilizzato proprio per le difficoltà logistiche della destinazione e del falso mito di cui gode Baia Verde. Inoltre, negli ultimi anni, è stato ulteriormente rinforzato a causa del divieto di accesso per i bus (sia pubblici che privati) in Baia Verde.

Proprio per le particolarità logistiche di questa destinazione, l’offerta di viaggiuniversitari.it risulta perfetta per chi desidera vivere il meglio della destinazione senza nessun sacrificio, né di portafoglio né di godibilità della vacanza.


La soluzione viaggiuniversitari.it

Per i nostri ospiti abbiamo un Residence in esclusiva in Marina di Mancaversa, a pochi chilometri da Baia Verde. Qui non è proibito l’ accesso ai bus, per cui li possiamo parcheggiare proprio vicino alla struttura, dando vita ad un vero e proprio Tour delle spiagge e delle discoteche

Da un lato si rispetta il concetto di indipendenza inserendo già nel costo di prenotazione le navette che collegano il Residence a Baia Verde dalle ore 12 alle 20.30. C’è da dire che potreste anche fare il bagno sulla spiaggia di Mancaversa che dista 800 metri dal Residence. Dall’altro lato, mentre il servizio navetta resta attivo, più volte a settimana i nostri ospiti potranno fare delle esperienze di mare diverse: Punta Prosciutto e Marina di Ugento su tutte. La sera, invece, i nostri bus partiranno alla volta di un locale sempre diverso, senza disdegnare qualche centro storico caratteristico per il preserata.

Tra l’altro, sarà perché lavoriamo in zona dal 2010, ma tutti ci trattano davvero con i guanti bianchi. Anche per questo riusciamo a garantire ai nostri ospiti dei servizi esclusivi. Uno su tutti l’ingresso saltafila: ti assicuro che è davvero tanta roba…
Un locale gallipolino è mediamente affollato da 7/8 mila persone e non fare neanche un minuto di fila è proprio una gran cosa in termini di qualità della vacanza. Ovviamente, tutti i nostri ospiti sono sempre liberi di decidere se usufruire o meno dei nostri servizi sul posto, ma la statistica ci dice che il 97 % dei nostri ospiti generalmente segue il nostro Staff per l’ottimo rapporto qualità/prezzo che riusciamo ad offrire.

Insomma, siamo veramente fieri di aver creato questo prodotto turistico e – di anno in anno – proviamo a limarne i dettagli per rendere la tua vacanza sempre più entusiasmante!

Entra a far parte del nostro Gruppo Facebook!

La community viaggiuniversitari.it ti aspetta

Categorie
Blog

Cosa mangiare a Gallipoli?

Se scegli Gallipoli per le vacanze estive, diciamoci la verità, un po’ parti avvantaggiato.
La vacanza sarà decisamente un successo, fosse solo per la varietà di attrazioni e attività che offre la destinazione.
Discoteche top, Dj internazionali, mare splendido e ultimo, ma non per importanza, il cibo strepitoso della nostra penisola! Perché – bisogna essere onesti – visitare posti sconosciuti in giro per il mondo ti permette di vivere esperienze meravigliose, ma vuoi mettere con l\’assoluta garanzia di sapere che non soffrirai di fame per tutta la settimana?
Quindi, anche se la cucina salentina è assolutamente tutta buonissima, ecco alcune pietanze che devi assolutamente mangiare a Gallipoli.
Pasticciotto
La colazione

Quando spalanchi (beh, apri con coraggio…) gli occhi al mattino non riesci a partorire un solo pensiero senza prima assumere zuccheri?
Allora il pasticciotto è la colazione che fa per te!

Si tratta di un dolce fatto di pasta frolla e cotto al forno, farcito con crema pasticcera. Di certo non fa parte della “piccola pasticceria” e può sembrare tanta roba viste le dimensioni abbastanza consistenti ma fidati, va giù che è una bellezza!
Magari puoi accompagnarlo con un tipico caffè salentino con ghiaccio: non storcere il naso, provalo e poi ne riparliamo!
puccia
L’aperitivo

Si sa, Gallipoli è la Regina indiscussa della movida italiana estiva e capita spesso di tirare tardi, fino all’alba. Risultato? Sveglia alle 11.30 e fame da leoni.

Saltata la colazione – ma se hai già mangiato il pasticciotto e la fame bussa ugualmente nessuno ti giudica qui, eh – passiamo all’aperitivo: qualcosa di leggero, da mangiare al volo, giusto per ingannare lo stomaco prima di pranzo.
Perfettamente godibile in spiaggia, la puccia pugliese è la regina dello street food salentino. Si tratta di un panino croccante fuori ma dalla mollica estremamente morbida dentro, ripieno di ciò che più preferisci. La puccia tradizionale prevedeva una farcitura solo a base di ortaggi, ma oggi davvero viene realizzata in tutti i gusti!
Orecchiette
Il Pranzo

Eccoci arrivati alle 13.30… che mangiamo?

Se hai seguito alla lettera tutta la mini-guida ed hai uno stomaco di dimensioni medie, non dovresti avere moltissima fame… oppure sì. D’altronde, il Tour Gastronomico pugliese non lascia scampo ai più golosi!
Quindi, scegliamo un bel ristorantino o una tavola calda e concediamoci un bel piatto di orecchiette alle cime di rapapiene di parmigiano e per chi lo ama, anche qualche goccia di olio al peperoncino.
Bocche-di-dama
Lo spuntino

La nutrizionista dice che è importante lo spuntino e quindi va fatto.

Bisogna semplicemente scegliere tra dolce e salato!
Se non puoi fare a meno del dolce, è il momento di assaggiare le bocche di dama. Si tratta di una pasta biscotto molto morbida, bagnata di liquore e ripiena di crema pasticcera al limone e vaniglia. Il tutto ricoperto con una glassatura di zucchero fondente.
Non ti far ingannare dalla dimensione, perchè non è minimamente proporzionale al suo apporto calorico!
Se poi finisci per mangiarne quindici, non ci assumiamo nessuna responsabilità con la dietologa…sia chiaro!
Paranza
La cena

Tutto sommato, nel pomeriggio ci siamo tenuti leggeri, quindi avanti veloce verso la cena!

Il mondo si divide in due tipi di persone: chi non può fare a meno di una tavola apparecchiata per cenare e chi invece in vacanza ha la continua esigenza di esplorare e ama l’arte di “arrangiarsi”.
Bene, se fai parte della seconda categoria ci sarà poco da discutere: la cena perfetta sarà una leggerissima Frittura di paranza da mangiare camminando per le strade di Gallipoli vecchia all’interno di un “cuoppo” di carta.

In effetti, dopo una giornata così, ti consigliamo decisamente di camminare.
Camminare molto.
Forse è meglio se non ti fermi più!

Piaciuta la mini – guida su cosa mangiare a Gallipoli?

La selezione è stata davvero ardua, quindi se hai suggerimenti, scrivi pure nel nostro Gruppo Facebook! Per non perderti nulla del mondo viaggiuniversitari.it, entra nella nostra community e seguici su Instagram!


Categorie
Blog

Conosciamoci meglio: lui è Francesco Grimaldi!

Quando i nostri ospiti tornano dalle vacanze trascorse in compagnia di viaggiuniversitari.it, ci arrivano ogni anno tante ma tante recensioni positive sulla destinazione, sull’organizzazione, sulla professionalità dimostrata ma soprattutto sul nostro Staff: i Friends.
E ogni volta che le leggiamo, ci si riempie il cuore di gioia!
Perchè nel nostro lavoro ci mettiamo passione.
E se parliamo di “amore per la maglia”, non possiamo che presentarvi il nostro numero 10: lui è Francesco Grimaldi.

Identikit: chi sei e cosa fai nella vita?

Sono Francesco Grimaldi e ho 26 anni. Principalmente lavoro come infermiere e, intanto, sono anche uno studente di Medicina e Chirurgia al quinto anno presso l’Università Vanvitelli.

Sei famoso nello Staff perché impegnato in mille attività quotidiane. Alcuni credono tu abbia il dono dell’ubiquità! Qual è quella che ami più delle altre?


È vero, svolgo varie attività! Su tutto però, ciò che mi fa stare davvero bene è trascorrere del tempo con le persone che amo!
Le giornate sono frenetiche, metto tutto me stesso in ogni cosa che faccio e di solito riesco a ritagliarmi poco tempo libero per me stesso e anche per stare con chi amo quindi, quando ci riesco, diventa sempre il momento più bello della giornata.

Parliamo di calcio: la tua personale classifica dei tre calciatori più forti del mondo?


Che domanda difficile: come si fa a sceglierne solo tre considerato che ci sono anche le grandi stelle del passato? Se proprio devo allora..

maradona1
Il primo è senza dubbio Diego Armando Maradona, “El pibe de oro”.
Chi non avrebbe scelto lui?
Messi
2° posto
Lionel Messi.
Il calciatore più forte del mondo oggi.
Ronal
3° posto
Ronaldinho Calciatore preferito di quasi tutta la mia generazione!
Come hai conosciuto VU

L’amore con viaggiuniversitari.it è nato tanti anni fa. Come sei entrato a far parte di questa grande famiglia?

Ho conosciuto viaggiuniversitari.it grazie ai miei amici storici del liceo, i gemelli Francesco e Andrea Mendone. Sono stato ospite a Rimini nell’ormai lontano 2011, poi di nuovo ad Umag nel 2013 ed infine a Corfù nel 2014. Mi sono totalmente innamorato di questo mondo e così mi sono autocandidato per entrare a far parte dello Staff.
Come hai conosciuto VU

Tu e Alessandro Lauro fate coppia fissa da tanti anni ormai, come amici e come Staff. Qual è il suo più grande pregio?


Il più grande pregio di Alessandro, tra i tanti, è sicuramente la caparbietà e la perseveranza. È una cosa che in molti non notano, ma quando lui si pone un obiettivo, indossa letteralmente “i paraocchi”. Punta solo su quello, mettendoci tutto se stesso. Fa sacrifici e rinunce finché non raggiunge l’obiettivo.

Essere Friends ha modificato la tua personalità? Se sì, in che modo?


Secondo me, diventare Friend modifica per forza di cose la tua personalità, o almeno una parte del tuo carattere. Partire durante la summer, come Staff ma anche come ospite, ti permette di relazionarti con persone che vivono a centinaia di chilometri da te, che hanno punti di vista diversi dal tuo in qualunque ambito, che hanno anche modi di vivere diversi dal tuo. Per questo motivo, essere Friend non può far altro che arricchire la tua personalità, facendoti crescere.

Ti abbiamo chiesto di inviarci una foto a cui sei molto legato, che abbiamo inserito come copertina dell’articolo. Perché hai scelto questa?


Ho deciso di inserire questa perché di ogni posto che ho visitato con viaggiuniversitari.it, ho imparato ad amare il tramonto. E\’ un momento di grande pace, di riflessione. E soprattutto, il momento in cui senti maggiormente la mancanza delle persone che hai lasciato a casa e che non vedono l\’ora di riabbracciarti.

Entra a far parte del nostro Gruppo Facebook!

La community viaggiuniversitari.it ti aspetta


Entra a far parte della community!
https://www.facebook.com/groups/communityvu2020

Categorie
Blog

Federica De Masi: da Friend viaggiuniversitari.it alla sua campagna di solidarietà per il Cotugno di Napoli

Federica De Masi: da Friend viaggiuniversitari.it alla sua campagna di solidarietà per il Cotugno di Napoli


Negli ultimi giorni, tra varie testate online e social network, avrete certamente letto o sentito parlare di Federica de Masi.

Si tratta di una giovane ragazza che, quasi per caso, ha dato vita ad una raccolta fondi capace in pochi giorni di raggruppare centinaia di migliaia di euro: una vera e propria campagna di solidarietà in favore dell’Ospedale Cotugno di Napoli. In effetti è iniziata davvero con una banale raccolta fondi avviata per il suo compleanno, ma si è trasformata ben presto in grande opportunità per oltre 70mila donatori di fare la loro parte aiutando chi combatte ogni giorno in prima linea contro l’emergenza sanitaria da Covid-19 che sta investendo il nostro Paese.

Federica non si aspettava una crescita così esponenziale della somma, nè si era organizzata per strutturare la raccolta secondo i dettami della burocrazia italiana. Così al crescere degli zero, sono cresciute anche le polemiche di chi – preoccupato dell’ipotesi che si trattasse di una truffa – ha messo in dubbio la trasparenza delle sue intenzioni. Fortunatamente, ad oggi tutti loro hanno fatto un passo indietro, riconoscendo la grandezza di questa splendida iniziativa.
Perchè ne parliamo nel blog viaggiuniversitari.it?
Sicuramente molti dei nostri ospiti la ricorderanno: sorriso smagliante e schiocche rosse colorate dal sole, Federica è stata parte dei nostri Friends nell’ormai lontano 2017!

Siamo stati sinceramente felici di ritrovarla tra le pagine dei giornali e abbiamo pensato di scambiare quattro chiacchiere con lei, in famiglia.



Identikit

Mi chiamo Federica de Masi, ho 23 anni e sono una studentessa. Frequento l’ultimo anno di Medicina e Chirurgia all’Università Federico II di Napoli.



Negli ultimi giorni hai dato vita a una vera e propria catena di solidarietà: la raccolta fondi in favore dell’Ospedale Cotugno di Napoli sta riscuotendo un grande successo! Raccontaci com’è nata l’idea e come sta andando

Ho creato questa raccolta fondi circa due settimane fa attraverso la piattaforma gofundme.com. L’idea è nata in occasione del mio compleanno: ho chiesto ai miei amici di partecipare ad una raccolta fondi a supporto dell’Ospedale Cotugno, condividendo l’iniziativa sui miei profili social.

La scelta della struttura a cui indirizzare i fondi non cade a caso: il Cotugno è polo di riferimento per ciò che riguarda le malattie infettive a Napoli. È sicuramente la struttura più coinvolta all’interno dell’emergenza sanitaria da Covid-19 che sta vivendo il nostro Paese.

Mi ero data un piccolo obiettivo: raggiungere “soli” 500€. Sebbene possa sembrare una cifra puramente simbolica, sentivo di star facendo qualcosa di bello in questo periodo di forte difficoltà.
Ho codiviso il link per effettuare le donazioni sui miei profili social e da lì i miei amici, conoscenti e finanche estranei hanno iniziato a condividerlo e in poche ore la raccolta fondi è diventata realmente virale. Grazie a questo passaparola, siamo riusciti a raccogliere più di 730.000€ e ne sono davvero molto orgogliosa!



Sono nate anche tante polemiche intorno alla tua iniziativa.
Cosa ti ha fatto più male e cosa ti ha fatto spuntare un grande sorriso?

Inizialmente, ho ricevuto tante critiche di persone che hanno pensato fosse una truffa!

Tra questi, anche il Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli: hanno provato a telefonarmi durante una puntata di un programma in onda su Radio Marte. Ho riattaccato perché ero spaventata e da lì si è rafforzata la convinzione che volessi truffare i donatori. La situazione mi ha un po’ mortificata.

La verità? È nato tutto come un’ idea tra amici.

Dal primissimo istante in cui l’ho concepita, l’iniziativa è stata trasparente e finalizzata solo a fare del bene. L’intenzione era semplicemente raccogliere la somma e portarla all’Ospedale Cotugno, tutto qua. Per questo, in prima battuta, non ritenevamo fosse neanche necessario informare la struttura!

Quando mi sono accorta che la cifra era cresciuta, ho consultato un notaio che si è occupato personalmente della questione.


Ad ogni modo, ci sono stati anche tantissimi bei riscontri. Ho ricevuto messaggi ed e-mail da alcune persone che hanno aderito all’iniziativa e che ci hanno tenuto a scrivermi per ringraziarmi. In questo periodo in cui ci si sente molto soli, questo gesto è stato visto come un modo per restare uniti. È stato veramente bello!



Restando in tema di sorrisi, qual è il ricordo più bello che hai legato a viaggiuniversitari.it?

viaggiuniversitari.it… un bel capitolo della mia vita!
Sono stata “Friend” a Gallipoli nel 2017, cioè parte dello Staff che accompagna i ragazzi a destinazione. Di quel viaggio non posso dire di avere un solo ricordo bello: sarebbe realmente riduttivo. È stata una splendida esperienza. A differenza di quanto si possa immaginare, essere parte dello Staff non è affatto semplice nè vuol dire esclusivamente divertirsi. Certo, gli ospiti sono ragazze e ragazzi della tua età, il che rende il lavoro molto piacevole, ma sono richiesti molto impegno e professionalità. Siamo operatori turistici in tutto e per tutto.



Se dovessi descrivere viaggiuniversitari.it in una sola parola, quale sarebbe?

È impossibile riassumerlo in una sola parola! Per me ne servono almeno due: formativo e divertente.



Fai un augurio a tutti i ragazzi e ragazze della tua età

Potrei farne mille! Ma visto il momento storico che stiamo vivendo, uno vince sugli altri: auguro a tutti i ragazzi della mia età di essere coraggiosi e intraprendenti. Se vi potene degli obiettivi, combattete per essi con tenacia e cercate di raggiungerli.



Qui, il link alla raccolta fondi.



Categorie
Blog

Cosa fare con meno di 100€ a Gallipoli?

Cosa fare con meno di 100€ a Gallipoli?

Gallipoli non è propriamente una destinazione “economica” nel senso più stretto del termine. E’ pur vero, però, che paragonandola ad altre mete top per i giovani, questa definizione sembrerà quasi ingiusta. Cosa vuol dire? Che se confrontiamo Gallipoli ad alcune isole greche – come Zante e Corfù – chiaramente i prezzi della capitale della movida italiana sembreranno più elevati. Un occhio più attento, però, noterà subito che per location, quantità e qualità degli eventi proposti, il Salento vince senza giocare la partita!
Sia chiaro, ci riferiamo esclusivamente al costo medio della vita, perchè riguardo gli alloggi ci sarebbe da scrivere un’intera enciclopedia ed, oggettivamente, il rapporto qualità-prezzo sotto questo punto di vista spesso lascia a desiderare, soprattutto in zona Baia Verde.

Quindi, dicevamo, se si paragona Gallipoli a Zante o Corfù la si ritiene mediamente più costosa, ma è il paragone in quanto tale ad essere errato. Per un confronto giusto, dovremmo tirare in ballo destinazioni come Ibiza e Mykonos e, messa così, ad occhio e croce Gallipoli costa anche la metà! Non sei ancora convinto, vero?

Forse qualche esempio può aiutarci. Cosa può fare un ragazzo con meno di 100€ a Gallipoli?

1. L’ingresso in discoteca

L’accesso ad una serata top come “il Martedì del Villaggio“, curato dallo Staff del Samsara Beach, o al Riobò costa intorno ai 25 € (o meglio, un prezzo medio tra i 20 ed i 30 € a seconda se si tratti del mese di luglio o agosto). Il Riobò è una delle discoteche più belle d’Italia: ricavata in una masseria del ‘600, nonostante i numeri da stadio riesce a conservare un fascino davvero invidiabile. Insomma, il prezzo è più che ragionevole!

 *Consiglio: se non sei in vacanza con viaggiuniversitari.it – che in tutte le serate con cui è convenzionato ha ingresso preferenziale per i suoi ospiti –  conviene raggiungere il club con largo anticipo per evitare infinite ore di coda. E quando diciamo “ore infinite” non esageriamo affatto.

Altra location da non perdere è sicuramente La Praja, discoteca che si trova proprio nel cuore di Baia Verde, dove lo slogan #settesusette scandisce il ritmo dell’estate salentina: tutte le sere La Praja è aperta con un party diverso ospitando artisti che raggiungono il Salento da ogni parte del mondo. La serata top? Probabilmente il giovedì, che ormai da diversi anni ospita il POPFEST “People on Pleasure”. Nel 2017 anche Axwell e Ingrosso hanno raggiunto il tacco del belpaese per uno show senza precedenti! Il 2018,invece, i locali gallipolini hanno ospitato artisti come Gianluca Vacchi e Bob Sinclar. Spesa media tra luglio ed agosto per una serata @La Praja: 20€. Chiaramente quando gli ospiti sono famosi davvero in ogni angolo del globo, il prezzo sale di un pelino.

2. Beach Party

Vuoi vivere un Beach Party perfetto? Allora prenota un gazebo al Samsara Beach: la spiaggia più conosciuta d’Italia, una vera e propria fabbrica di sorrisi e divertimento. Con una spesa di circa 20 € per persona al comodo lettone si aggiunge anche un mojitone servito in una gigantesca anguria, un cocktail fresco da bere in gruppo con gli amici. Cifra più che giusta, se si considera che in questa quota è poi incluso un vero e proprio live show con start fissato per le H 16.00, quando la famosa sirena suona forte, apre le danze e dà ufficialmente il via all’aperitivo. Sia chiaro: l’accesso a tutti i beach party è assolutamente gratuito e quando parte la musica c’è talmente tanta gente che non si può considerare il gazebo come un privèe dato che viene sempre risucchiato da ragazzi e ragazze provenienti da tutta italia e pronti a scatenarsi! Ma resta comunque un buon servizio aggiuntivo!

3. Breakfast

Una colazione all’alba ai piedi delle mura di Gallipoli con caffè in ghiaccio ed il pasticciotto leccese, toccasana per il gusto e per l’anima, ti costerà una spesa poco superiore ai 2 €. Mai sentito parlare del caffè alla salentina?  Ti raccontiamo un breve aneddoto. Con l’arrivo degli spagnoli, sull’esempio del “Café del Tiempo”  il tipico caffè di Valencia, in Salento si serviva il caffè con menta o buccia di limone e pezzi di ghiaccio. La tradizione ha resistito nel tempo, ma il tocco meridionale alla “ricetta” non poteva mancare: una variante che rende davvero squisito il Caffè in ghiaccio consiste nell’aggiunta di latte di mandorla. Dissetante!

4. Puccia sul lungomare

Percorrendo la strada che collega Baia Verde al Centro di Gallipoli, troverai decine di piccoli camioncini (noi suggeriamo da Ferruccio a Lido San Giovanni) con delle panche dove potersi accomodare in un ambiente spartano ma suggestivo, che in pochi minuti sfornano delizie a ripetizione. Su tutte, l’accoppiata puccia + birra fredda è un must dell’estate salentina: saziante e gustoso. Che cos’è la puccia? Un pezzo di pane con molta mollica, dal diametro di circa 20 – 30 centimetri, che nelle ricette tradizionali veniva servito con capperi e acciughe, ma che oggi viene farcito in mille modi… anche se i più anziani storcono il naso alla puccia hamburger e patatine! Di solito la gente del posto consiglia la variante in verdure ed ortaggi. Spesa totale: circa 8 €.

5. Un lettino allo Zen

Uno degli stabilimenti più conosciuti e gettonato tra i ragazzi di Baia Verde offre un lettino all’interno della spiaggia per un costo medio di 10 €. Discorso diverso quello degli ombrelloni: sono davvero pochi in rapporto al numero di persone che raggiunge la spiaggia e nella stragrande maggioranza dei casi vengono riservati a chi prenota la postazione per l’intero mese. Ma c’è solo spiaggia privata? No, i lidi privati si alternano sempre alla spiaggia libera anche se, ad onor del vero, bisogna dire che spesso se si è in un grosso gruppo non è facile trovare posto in spiaggia uno accanto all’altro.

Insomma…

come avrai potuto vedere gran parte delle principali attrazioni gallipoline è più che accessibile alle nostre tasche! Vero è che non si tratta di una destinazione dove spendi giusto due spiccioli ma il rapporto qualità/prezzo del costo medio della vita è sicuramente conveniente. D’altro canto, come diciamo sempre, il vero segreto per non restare mai delusi da una vacanza è sempre chiudere gli occhi e chiedersi: cosa amo fare? Se il tuo ideale di vacanza ruota intorno a 7 mattinate in spiaggia, un giretto al centro nel pomeriggio e cocktailbar alla sera, sicuramente ti sembrerà cara come destinazione semplicemente perchè penserai di pagare tanto… per servizi che in realtà non ti interessa ricevere!

Per essere la capitale della movida italiana, una vacanza a Gallipoli non ti costerà così tanto quanto sembra.

Provare per credere!




Vuoi entrare a far parte della community viaggiuniversitari.it?
Iscriviti al nostro Gruppo Facebook per conoscere tutti i dettagli su Gallipoli
e le altre destinazioni grazie alla esperienza di chi ci è già stato!





Categorie
Blog

Dove dormire a Gallipoli

Ogni anno migliaia di giovani si danno appuntamento in estate a Gallipoli, perla dello Ionio, in cerca di una vacanza all’insegna del divertimento. Enormi discoteche con ospiti internazionali e favolosi punti mare, in un’area abbastanza vasta, ne hanno fatto la capitale della movida italiana. Ma andiamo con ordine e partiamo dall’inizio: dove dormire a Gallipoli?

Scegliere la soluzione ottimale dove dormire a Gallipoli non è semplice. Bisogna combinare la buona posizione, il prezzo accessibile e la reale abitabilità delle tante strutture ricettive che troverai online. Residence, B&B, appartamenti ed hotel si trovano praticamente in ogni angolo del Salento.  Ecco perchè troverai molto utile questa mini-guida.

Dormire a Gallipoli in centro

Il centro di Gallipoli si sviluppa in due parti: il borgo – più moderno – e il centro storico, super carino e ricco di arte e cultura. In entrambi puoi trovare residence ed hotel, a prezzi accessibili. I servizi offerti (banche, supermercati, negozi) sono davvero tanti, così come i punti ristoro dove poter gustare ottimo pesce e cucina tipica salentina.
Il centro però è lontano dalla movida e dalle spiagge più frequentate dai giovani, anche se ben collegato con autobus e taxi, che però sono molto cari.

Dormire a Baia Verde

Baia Verde è una piccola frazione di Gallipoli resa molto famosa dal Samsara e dallo Zen, i beach club più noti della costa ionica. Tutti credono che si tratti del centro di Gallipoli o della sua movida, ma non è affatto così. Infatti la movida a Gallipoli si sviluppa su un’area molto estesa: discoteche e beach club sono distanti tra loro. A Baia Verde si trova solo La Praja, una discoteca che ospita ogni anno artisti di calibro internazionale. Per spostarsi da Baia Verde, però, è necessario avere l’auto o utilizzare i taxi, visto che da qualche anno è stato vietato l’accesso agli autobus. I servizi offerti sono inoltre scarsi (non ci sono bancomat, punti ristoro, servizi medici) ed i prezzi delle strutture sono molto elevati.

Dormire a Marina di Mancaversa

Marina di Mancaversa dista circa 15 minuti in auto da Baia Verde. E’ una soluzione più comoda per chi decide di spostarsi in autobus o in taxi: ha strutture ricettive, quasi tutte in formula residence, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Servita da molte linee di autobus, è dotata di supermercati, farmacie, bar e ristoranti. Per questo motivo molti Tour Operator che organizzano vacanze per giovani a Gallipoli la scelgono come località per far alloggiare i propri ospiti, integrando la soluzione per l’alloggio con servizi navetta per le principali attrazioni del Salento a prezzi vantaggiosi.

Occhio alle truffe!

Il successo di Gallipoli come destinazione estiva attira non solo i giovani, ma anche chi ha trasformato il “business” in truffe ed inganni. Ogni estate i telegiornali raccontano di appartamenti e residence in vendita su Internet con foto e descrizioni rubate dalla rete e da altre destinazioni estive. Risultato? I turisti arrivano sul posto entusiasti di iniziare subito una vacanza, ma non trovano traccia dell’abitazione scelta e già pagata!!

Problema simile è, soprattutto a Baia Verde, quello di alloggi ai limiti della sopravvivenza. Garage e box auto adattati con brandine e bagni all’esterno venduti a cifre molto alte, senza acqua calda e senza alcun tipo di sicurezza. Anche qui la delusione per chi arriva è tanta ed è poi difficile riuscire a trovare in loco un’altra soluzione disponibile per continuare la vacanza a prezzi accessibili.

Per essere certi di evitare truffe e di partire (e arrivare) senza patemi d’animo, si può considerare di affidarsi a chi organizza viaggi per giovani a Gallipoli (e non solo!) da diversi anni. Meglio ancora se, alla accurata conoscenza del territorio, si affianca un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Con viaggiuniversitari.it, del resto, si #viaggiasenzapensieri!




Vuoi scoprire in anteprima cosa ti aspetta nella Capitale del divertimento italiano? Corri sulle nostre Stories Instagram e goditi i racconti della scorsa estate!







Categorie
Blog

Cose da fare in vacanza a Gallipoli

Cose da fare in vacanza a Gallipoli

Una meta per giovani perfetta è quella che coniuga l’incantevole mare e le belle spiagge con una buona dose di divertimento. E’ forse per questo che sempre più giovani italiani scelgono di trascorrere le loro vacanze d’estate a Gallipoli, regina della movida italiana!

Scegliere pochi ma buoni must in una vacanza a Gallipoli è stato davvero difficile, ma ci siamo riusciti. Ecco a voi la mini-guida sulle 5 cose da fare a Gallipoli, targata viaggiuniversitari.it!

1.Aperitivo in spiaggia

L’aperitivo in spiaggia è nato proprio qui: non sarebbe possibile arrivare in Salento e non tuffarsi letteralmente in questo “rito”! La spiaggia di Baia Verde si trasforma dalle prime ore del pomeriggio in un chilometro di sabbia, musica e drink: ti troverai letteralmente immerso tra migliaia di giovani che balleranno sulle note prodotte dai dj dei tanti Beach Club.

2.Gustarsi il mare al massimo

Lingue di sabbia che si poggiano su acque cristalline danno origine a punti mare favolosi. Rivabella, Baia di Punto Pizzo e Punta Suina sono l’ideale per il tuo relax, rinfrescandoti in uno scenario mozzafiato.
Se poi sei disposto a spingerti anche oltre Gallipoli, a Porto Cesareo, Punta Prosciutto è pronta ad accoglierti con il suo litorale di sabbia bianca e un’acqua che ricorda quella dei Caraibi.

Sarai protagonista di location viste solo in cartolina, grazie anche alla rigogliosa vegetazione e agli aspri profumi del Salento, che donano alle spiagge un aspetto tra il selvaggio e il magico.

3.Gite ed escursioni

La vitalità e la dinamicità sono il tratto distintivo di tutta la regione. Per godere della bellezza artistica e di quella paesaggistica, tra le cose da fare a Gallipoli e in Salento, ci sono gite ed escursioni per tutti i gusti. Potrai andare a cavallo sulla spiaggia o visitare le bellissime riserve naturali.

Da non perdere il centro della “bella città”, caratterizzato da viuzze piene di chiese ed edifici storici, circondato da una  cinta bastionata lunga circa un chilometro e mezzo. Un’altra esperienza consigliata è una visita al borgo antico di Otranto, con le sue casette, cortili e botteghe che ben riproducono le originarie atmosfere.

4.Scoprire i saperi e i sapori del luogo

Sapori, suoni e profumi sono i protagonisti delle sagre e delle feste folk organizzate ogni estate, come la sagra della puccia a Supersano e quella della sceblasti a Zollino. Ancora, La notte della Taranta a Melpignano. Sono occasioni per conoscere meglio la cultura del “tacco d’Italia”, imparando ad apprezzare anche l’accoglienza e la cordialità degli abitanti del posto.

5.Finalmente: la vita notturna!

Gallipoli è diventata, negli ultimi anni, una meta ricercata soprattutto per la movimentatissima night life. Ogni sera, dj internazionali del calibro di David Guetta, Bob Sinclair e Martin Garrix vivacizzano le calde notti estive in grandissime discoteche come il Rio Bo, la Praja e Le Cave! Vibrazioni e ritmi per ogni gusto, condite da bellissime coreografie e da una proposta artistica di altissimo livello per trasformare una semplice vacanza in un viaggio indimenticabile!

Speriamo di averti fornito diversi spunti e idee su cosa fare in vacanza d’estate a Gallipoli: non ti resta che prenotare il tuo posto e prepararti ad una fantastica esperienza!

Categorie
Blog

Come divertirsi a Gallipoli

Grazie alla vivace movida e alla bellezza del “lu sule, lu mare e lu ientu”, resi vivi e vibranti da aperitivi noti in ogni dove, negli ultimi anni le vacanze per giovani a Gallipoli sono sempre più apprezzate. In molti infatti potrebbero trovare banale questa nostra guida, ma non tutti sanno come divertirsi a Gallipoli!

Se desiderate ballare ad ogni ora del giorno e della notte con migliaia di persone e con i DJ più famosi al mondo in locali strepitosi, un viaggio a Gallipoli è quello che fa per voi.

Come divertirsi a Gallipoli di giorno

Come forse in ogni località estiva, il mare è il protagonista per chi cerca come divertirsi di giorno a Gallipoli, sia per il relax in spiaggia, sia per i folli e colorati aperitivi. In Salento, infatti, ci sono tra le spiagge più belle d’Italia, molte delle quali selvagge ed incontaminate. Rivabella, Baia di Punto Pizzo e Punta Prosciutto accoglieranno e soddisferanno il vostro desiderio di relax. Ore al sole cocente per la tanto agognata tintarella o alla scoperta del ricco fondale marino.

Discorso a parte merita la spiaggia di Baia Verde, la cui sabbia bianca e il basso fondale sono lo scenario degli aperitivi più famosi d’Italia. In effetti negli anni questa baia naturale ha iniziato a somigliare sempre più a discoteche a cielo aperto!

No, qui non c’è molto spazio per il relax: decine di migliaia di giovani ballano a piedi nudi sulla spiaggia con musica a palla tutto il pomeriggio, sorseggiando cocktail e incontrando tanti coetanei da tutta Italia. È in momenti come questi che lo Zeus e lo Zen  possono accogliere così tanti giovani che – molti – devono necessariamente ballare direttamente in mare. Diciamocela tutta: una costrizione che non suona nient’affatto come un sacrificio!

Una vacanza d’estate in Salento regala anche la scoperta di storia e di bellezze naturali.
Per questo, l’offerta del divertimento di giorno a Gallipoli è completata da un’escursione in barca e in catamarano alla ricerca di calette e insenature. Per i più avventurieri c’è anche il quad o il cavallo, in bellissime riserve e parchi dai colori africani, alla scoperta di trulli e casolari in pietra.

Tutto questo crea la giusta occasione per rendere uniche le vostre prossime vacanze in Puglia.

Come divertirsi a Gallipoli di notte

Quando la notte è ancora giovane, dopo aver ballato tutto il pomeriggio in spiaggia, potreste scegliere di iniziare la serata con un’ottima cena a base di pesce tra i vicoli del centro storico di Gallipoli. Un consiglio? Perdetevi pure nel labirinto di viuzze e stradine che si districano tra vecchie case bianchissime. È lì che, dal tramonto, sarete accolti da note musicali che animeranno raffinati ed esclusivi apericena. Proprio a quest’ora i pescatori tornano dal mare ed offrono ai turisti il loro pescato, accompagnato da un fresco bicchiere di vino bianco.

Il Salento, a differenza di altre mete estive, è famoso anche per saper coniugare il divertimento in discoteca e in spiaggia con proposte “tradizionali”. Se siete turisti curiosi, potrete partecipare a sagre, concerti folk e feste di paese che riscaldano i mesi estivi e sono molto apprezzati anche dai più giovani in vacanza! L’evento più famoso è sicuramente “La notte della Taranta”, un festival itinerante che fa riscoprire la musica tradizionale salentina.

 



Focus discoteche: quali scegliere?

Non ci nascondiamo dietro un dito: Gallipoli è la capitale del divertimento notturno grazie alla ricchissima offerta di discoteche.  Qui potrai vivere serate con i DJ internazionali più famosi, che riscaldano la notte e fanno ballare migliaia di giovani al ritmo di musica commerciale, elettronica, rnb e hip hop: c’è solo l’imbarazzo della scelta.

I punti di riferimento della movida a Gallipoli:

  • Rio Bo
    Ricavato da una masseria seicentesca, con la sua varietà musicale e il suo Martedì del Villaggio, stupisce ogni anno per la spettacolarità delle coreografie e l’atmosfera quasi circense;
  • Praja
    A pochi passi dal mare, a Baia Verde, sorprende per la bellezza della sua struttura e per il calibro internazionale dei suoi ospiti;
  • Le Cave
    Suggestiva location, costruita su una cava naturale dismessa.

In tutti questi casi, si tratta di tante possibilità di divertimento a Gallipoli, possibilità accomunate da ospiti top, ottimi cocktail e serate dal successo garantito.

Non lontano da Gallipoli, lidi e discoteche danno il meglio di sé sotto il sole cocente delle estati pugliesi come al chiaro di luna. Sviluppato su terrazze sul mare e giardini, il Bahia di Otranto è l’ideale per una serata alla scoperta del versante adriatico del Salento. Più adatto per eventi glamour è invece lo scenario paradisiaco del Blubay New Paradise di Castro Marina.

Notti da sogno, rese vibranti e ricche di emozioni con la musica fino alle prime luci dell’alba, spiagge da urlo e mare da brivido hanno (a ragione) fatto di Gallipoli la capitale del divertimento per giovani, in Italia. Energia, adrenalina e sole cocente saranno gli ingredienti di ogni vacanza nell’ombelico del “tacco” d’Italia.